Sanità, Furlan stanga i privati: “Negano il contratto agli ‘eroi’, vergogna”

MILANO – “Il comportamento di queste imprese è una vergogna: prima i lavoratori della sanità sono i nostri eroi, e poi nel settore privato neghiamo il contratto. Noi andiamo avanti e non ci ferma nessuno”. Lo ha detto Annamaria Furlan, segretaria nazionale della Cisl, parlando alla ‘Dire’, a margine della manifestazione di Cgil-Cisl-Uil in piazza

Regionali, Vacca (Aism): “I candidati hanno sottoscritto la Carta dei diritti delle persone con Sclerosi Multipla”

ROMA – Sono stati cinque i confronti tra le Sezioni provinciali di Aism e i candidati in corsa alle elezioni regionali 2020 di Toscana, Marche, Puglia, Veneto e Liguria. Incontri che hanno avuto luogo anche sui canali social dell’Associazione ed aperti a tutte le persone con SM e ai loro famigliari, alle persone con disabilita’ e piu’

VIDEO | Vitamina D, il pediatra: “Dopo il lockdown attenzione a carenza”

ROMA – “Il prossimo inverno avremo in circolo meno scorte di vitamina D a causa del fatto che nel periodo del lockdown siamo stati meno esposti al sole. Quindi quest’anno i pediatri dovranno prestare più attenzione, perché è probabile che un maggior numero di bambini raggiunga una situazione di carenza che potrebbe poi dare problemi

Coronavirus, 1.585 nuovi contagi su 101.773 tamponi, 13 i morti

Agenzia DIRE – Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l’indirizzo «www.dire.it» Privacy PolicyCookie Policy  » Continua a

Hikikomori, l’attaccamento insicuro può essere un fattore di rischio

ROMA – “Cercare di comprendere le dimensioni personologiche, assolutamente in evoluzione ed emergenti nel bambino, nell’adolescente ma soprattutto nel preadolescente, per l’individuazione precoce di quei segni che possono farci pensare a una possibile evoluzione verso il ritiro sociale”. Davide Trapolino, neuropsichiatra infantile dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), mette l’accento sulle forme di ritiro basate sui tratti

VIDEO | Coronavirus, “Vivo grazie alla Germania”: le lacrime dell’italiano salvato a Lipsia

MILANO – “Quando mi sono svegliato pensavo di essere stato rapito. Mi parlavano in tedesco e non capivo. La Germania mi ha salvato la vita“. Sono le parole di Felice Perani, pavese, classe 1963, colpito dal covid e salvato dopo un lungo ricovero in Germania. LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, il racconto dei medici di

Anestesisti e rianimatori in tour per raccontare la professione in prima linea

Questo è lo stile scelto dalla Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva (SIAARTI) che propone un ‘tour’ che unirà il Nord al Sud dal 21 settembre al 4 ottobre ROMA – Un modo nuovo di incontrare, raccontare e confrontarsi fra pari, itinerante e aperto a tutti i sanitari della disciplina, agli altri

VIDEO | Coronavirus, il racconto dei medici di Bergamo e Lipsia: “Così affrontammo il Covid”

MILANO – “Li abbiamo curati perche’ potevamo farlo, e’ stato un riflesso naturale“. Sven Bercker, medico della clinica universitaria di Lipsia, dove e’ stato salvato il 57enne pavese Felice Perani, e’ a a Palazzo Reale durante la visita a Milano di Sergio Mattarella e del suo omologo tedesco Frank Walter Steinmeier. LEGGI ANCHE: Coronavirus, “Vivo

Sport, da fisioterapisti a dietisti nei club solo se iscritti agli albi professionali

ROMA – E’ “inammissibile che le Federazioni sportive possano annoverare, tra gli iscritti agli albi e ai ruoli del proprio Settore tecnico, professionisti sanitari che non risultano anche iscritti agli albi o agli elenchi speciali a esaurimento degli Ordini professionali”. Questa la posizione di Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale Ordini dei Tecnici sanitari di

VIDEO | Triage telefonico, i pediatri: “Parlarne di più per usarlo meglio”

ROMA – “È molto importante parlare di consultazione telefonica tra pediatri, perché significa usare al meglio uno strumento che è sempre stato un po’ disdegnato, in quanto ritenuto insufficiente o foriero di problemi medico-legali”. Parte da qui Leonardo Venturelli, pediatra della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), illustrando i punti principali delle riflessioni