All’Ospedale Maggiore di Bologna un albero di Natale dedicato a medici e infermieri

Share on facebook

Share on twitter

Share on whatsapp

Share on email

Share on print

BOLOGNA – Illustrazioni raffiguranti l’impegno di medici e infermieri appese a fianco di luci e palle di Natale, e per questo “dedicato a tutti gli operatori sanitari di tutta Italia”. Si è acceso questa mattina, di fronte all’ospedale Maggiore di Bologna, l’Albero del Dono, in occasione delle festività natalizie. Lo ha promosso l’associazione di volontariato Andromeda nell’ambito del progetto Seminare Coesione, nato due anni fa con l’installazione di orti urbani davanti agli ingressi degli ospedali bolognesi insieme agli studenti dell’Istituto agrario Serpieri.

Previous

Next

Oggi, insieme all’inaugurazione della versione ‘invernale’ con le erbe e verdure di stagione, l’accensione dell’albero, a cui è seguita la distribuzione di doni ai coordinatori infermieristici da destinare agli operatori sanitari. Un’iniziativa promossa insieme ad Ausl Bologna, al laboratorio sartoriale Gomito a gomito della cooperativa sociale Siamo Qua onlus, alle Cucine popolari, a Conad e Volabo. Anche durante la cerimonia Enrico Paolo Raia, presidente di Andromeda, ha voluto ribadire di dedicare l’opera a “tutto il personale medico, infermieristico, amministrativo. Tutto il personale che ha fatto e continua a fare”, ricordando che “qualcuno che ieri alla prima ondata del Covid prima li chiamava eroi e oggi inizia a puntare il dito”. E questo è “profondamente ingiusto”.

LEGGI ANCHE: Dalla in via d’Azeglio, Bosso in via Petroni: il Natale bolognese s’illumina delle sue stelle

A partecipare attivamente all’accensione, con tanto di pulsanti distribuiti, i vertici delle istituzioni sanitarie bolognesi e regionali: gli assessori comunale e regionale alla Sanità Giuliano Barigazzi e Raffaele Donini, Paolo Bordon, direttore generale dell’Ausl di Bologna, il consigliere metropolitano delegato alla Scuola Daniele Ruscigno e la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein.

Share on facebook

Share on twitter

Share on whatsapp

Share on email

Share on print

Leggi anche:  » Continua a leggere su DIRE.IT…