“Cercare la verità per onorare il nostro mestiere”, dice Giovanna Botteri

AGI – Maria Corti, nel suo celebre romanzo “L’ora di tutti” ambientato ad Otranto nel tardo Quattrocento, profetizza una presa di coscienza, l’avvento di un’ora in cui ognuno può dimostrare a sé stesso e agli altri di valere qualcosa, una forza interiore che sradica ed estirpa la paura per solleticare il coraggio.

E dopo secoli è stata Otranto – nuovamente – l’antenna ricettiva di una chiamata alla responsabilità sociale, lo scenario della premiazione “Caravella del Mediterraneo 2020”, all’interno del Festival “Giornalisti del Mediterraneo”, che vede protagoniste le personalità che hanno agito in prima linea durante la pandemia.

I giornalisti premiati durante l’evento sono stati Alberto Ceresoli (L

 » Continua a leggere su AGI.IT…