“A Beirut c’è uno scenario di guerra”  Così raccontano i nostri vigili del fuoco 

AGI – “Il primo impatto emotivo è stato molto forte, uno scenario quasi di guerra. Una situazione molto diversa da quella di un terremoto o di un’alluvione anche se il nostro approccio resta sempre lo stesso. Siamo qui per aiutare”. Alberto Boanini, uno dei 14 vigili del fuoco italiani chiamati ad assicurare supporto tecnico sul fronte del rischio chimico e a valutare la stabilità delle strutture danneggiate dopo l’esplosione che ha devastato Beirut, parla con l’AGI della missione affidata alla nostra speciale task force.

“Siamo arrivati ieri matti

 » Continua a leggere su AGI.IT…