VIDEO | L’amore “Prohibido” di Lele Blade da oggi è anche video

NAPOLI – È tempo di vacanze, di viaggi e di amori. È tempo di sogni e ritmi latini. È questo il momento dove tutto e’ possibile, dove “evasione” diventa parola d’ordine. Ma e’ anche il tempo delle hit musicali e dei “tormentoni”, quelli dai ritornelli che di uscire dalla testa proprio non vogliono saperne. E poco importa se a firmare uno di questi e’ un rapper, uno di quelli tosti e che risponde al nome di Lele Blade. Suo il pezzo ‘Prohibido’, suo il refrain impossibile da non memorizzare dopo il primo ascolto e impossibile da non provare a ricantare. Un perfetto mix di napoletano e spagnolo che il rapper napoletano, al secolo Alessandro Arena, spiega alla Dire cosi’: “la prima cosa nata di questo pezzo e’ il titolo. Questa parola, “prohibido”, mi ha stimolato e mi ha fatto poi scrivere la canzone. Ho utilizzato lo spagnolo come gia’ fatto in precedenza per Loco (pezzo da 14 milioni di visualizzazioni su YouTube e certificato Oro nella tracklist dell’album solista Vice City, ndr) perche’ alla gente piace ed e’ un po’ la mia seconda lingua”. Dietro la scelta per l’idioma latino per eccellenza l’amore “per la mia ragazza e perche’ e’ una lingua affascinante e molto musicale”.

“Prohibido”, il video e’ in uscita oggi, e’ un pezzo sorprendente e non solo per il ritmo accattivante. La storia che racconta e’ quella di un amore senza futuro, di quelli che ti consumano e che si nutrono di bugie e tradimenti. “A differenza di quello che si puo’ pensare, visto il titolo – ammette Blade -, nel video ho voluto rappresentare la storia nel modo piu’ tenero possibile perche’ i protagonisti sono due ragazzi molto giovani. Quindi niente di scontato, niente di erotico”.

“Prohibido” segna anche la ripartenza di Lele Blade dopo la pandemia e il lockdown. “Questo momento storico – confessa – non e’ stato facile per nessuno, tanto meno per noi artisti anche perche’, si sa, siamo poco considerati come lavoratori nel vero senso della parola.

 » Continua a leggere su DIRE.IT…