La Procura accusa 12 detenuti di San Vittore per la rivolta

AGI – Nel pieno della pandemia, durante le proteste anche per la compressione del diritto ai colloqui coi familiari, avrebbero aggredito tre agenti della polizia penitenziaria nel carcere San Vittore di Milano distruggendone gli arredi. 

Ora, a 12 detenuti, 5 italiani e gli altri 7 cittadini di Marocco, Tunisia, Gambia e Algeria, di età comprese tra i 21 e i 48 anni, è arrivato dalla Procura di Milano l’avviso di chiusura delle indagini con le accuse, a vario titolo, di sequestro di persona, devastazione e saccheggio, lesioni personali e rapina. 

Il capo d’imputazione letto dall’AGI ricostruisce, stando alla Procura, quello che accade il 9 marzo nell’ambito di di “un unico

 » Continua a leggere su AGI.IT…