La GdF ha sequestrato 26 milioni di mascherine, Mattarella: “Prezioso contributo durante Covid”

ROMA – Nei primi mesi del 2020, nel settore della contraffazione sono stati denunciati 655 soggetti per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti con segni mendaci, truffa, falso e ricettazione, constatate sanzioni amministrative in 138 casi e sottoposti a sequestro oltre 26,3 milioni di mascherine e dispositivi di protezione individuale, circa 724 mila confezioni e 85 mila litri di igienizzanti (venduti come disinfettanti). Oltre 607 mila mascherine e oltre 15 mila flaconi di prodotti per l’igiene sono stati requisiti dal Commissario straordinario, su richiesta di Reparti del Corpo e su conforme avviso delle competenti Autorita’ penali e amministrative, per essere distribuiti a strutture della Protezione Civile, ospedali, enti pubblici. E’ il bilancio operativo dell’emergenza Covid-19 presentato dalla Guardia di Finanza in occasione del 246esimo anniversario della fondazione del Corpo.

IL MESSAGGIO DEL PRESIDENTE MATTARELLA

“Oggi ricorre il 246° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, moderna ed efficiente Forza di Polizia vocata alla tutela della legalita’ in ambito economico e del regolare funzionamento dei mercati. Nell’attuale emergenza sanitaria, le Fiamme Gialle hanno fornito con abnegazione e generosita’ il loro prezioso contributo in sinergia con le altre amministrazioni dello Stato, contribuendo al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica e all’osservanza delle misure di contenimento della diffusione del virus”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana. “La collaborazione fra il Servizio Aereo della GdF e il Dipartimento della Protezione Civile- sottolinea il capo dello Stato- ha visto il trasporto, nelle aree dell’Italia piu’ colpite dal contagio, di medici e infermieri volontari, nonche’ di apparecchiature e materiale sanitario di vario genere. Le donne e gli uomini della Guardia di Finanza si stanno prodigando ora per scongiurare che le contingenti difficolta’ di famiglie e imprese possano essere strumentalizzate dalla criminalita’ organizzata attraverso il riciclaggio e l’usura nonche’ per assicurare che gli aiuti economici non siano oggetto di tentativi di sviamento e di appropriazione indebita”.

Il Corpo della Guardia di Finanza,

 » Continua a leggere su DIRE.IT…