Governo, Renzi apre la crisi: “Ministre Bellanova e Bonetti si dimettono”

ROMA – Matteo Renzi annuncia in conferenza stampa le “dimissioni di Teresa Bellanova, Elena Bonetti e Ivan Scalfarotto come da lettera inviata al presidente del consiglio”.

“La crisi politica non e’ responsabilita’ di Italia viva ma e’ aperta da mesi”, aggiunge Renzi. “Tocca al presidente del consiglio decidere quale saranno gli sbocchi della crisi. Noi siamo pronti a discutere di tutto. In questo perimetro di maggioranza. Se non c’e’ lo spazio in questo perimetro siamo pronti a un governo con una formula diversa, o a uno diverso con la stessa formula di maggioranza”.

LEGGI ANCHE: Governo, Mattarella: “Uscire da incertezza”. Conte apre a Renzi, il Pd media

“Nell’affermare la fiducia incrollabile nel presidente della Repubblica noi pensiamo che si debbano affrontare i tre punti cardine che le ministre e il sottosegretario hanno scritto al presidente del consiglio“. Cosi’ Matteo Renzi in conferenza stampa a proposito della crisi di governo. Si tratta, dice Renzi, “di tre questioni poste al presidente del consiglio”.

“C’è un’emergenza da affrontare ma non è l’unico elemento, ci sarà un motivo se è un Paese con il più alto numero di morti, il maggior numero di giorni persi a scuola e pil tra i più bassi. Qualcuno deve darsi una mossa e farlo vuol dire fare politica”.

“Se le forze politiche dell’attuale maggioranza hanno voglia di affrontare i temi sul tappeto lo facciano, ma senza continui giochi di parole. La democrazia ha delle forme e se non vengono rispettate allora qualcuno deve avere il coraggio anche per gli altri”, aggiunge.

Il primo punto posto da Matteo Renzi in conferenza stampa come questione a cui il premier dovra’ dare una risposta nel corso della crisi attiene “alle forme della democrazia”. In questo senso, Renzi ricorda: “l’uso reiterato dei decreti, la delega ai servizi, la trasformazione della democrazia in un grande reality show. Non l’accettiamo”.

“Sul recovery sono stati fatti molti passi avanti, ci sono meno bonus e più investimenti ma resta il problema del no al Mes.

 » Continua a leggere su DIRE.IT…