Cosa pensano gli insegnanti della chiusura delle scuole

AGI – Le scuole e le università si devono tenere chiuse fino a emergenza sanitaria rientrata per il 70,4% dei docenti. E’ quanto emerge dal Policy brief dell’Inapp (Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche) “La scuola in transizione la prospettiva del corpo docente in tempo di Covid-19”. 

Secondo la ricerca, gli insegnanti hanno promosso la didattica a distanza, tanto che il 73,6% è pronto a continuare a usare la tecnologia anche nella didattica in presenza, ma hanno anche sottolineato una serie di criticità. In particolare, l’82,4% ritiene che sia necessario avere uno standard unico per la Dad e il 90% chiede una relativa formazione specifica ai docenti. Molti hanno poi segnalato la carenza tecnologica e le difficoltà di connessione causate da una rete Internet inadeguata.

Il 58,5% però pensa che la Dad abbia svecchiato la didattica e accorciato il digital divide nel corpo docente e il 52,2% riconosce che con la Dad alcuni studenti più isolati o taciturni o poco motivati si sono rivelati più partecipativi e coinvolti. 

L’indagine, a cui hanno partecipato oltre 800 docenti, ha riguardato gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado (asili nido, scuole dell’infanzia, scu

 » Continua a leggere su AGI.IT…