VIDEO | Le donne al cuore dell’Impero di Napoleone

La mamma, le sorelle, le mogli: intervista ad Alessandra Necci, autrice de ‘Al cuore dell’Impero – Napoleone e le sue donne fra sentimento e potere’

ROMA – Da una parte la famiglia, madre e sorelle, dall’altra le mogli. Due mondi e due capitoli di vita diversi, la ragione e l’ambizione in uno, nell’altro l’amore e le passioni di Napoleone, spesso narrato come misogino e ‘solo’ stratega che invece, in quest’ultimo lavoro di Alessandra Necci, storica e scrittrice, appare anche nei suoi sentimenti più intimi e nelle sue fragilità passionali. ‘Al cuore dell’Impero – Napoleone e le sue donne fra sentimento e potere’ (Marsilio editore) è il titolo di una biografia scritta tra documenti, racconti e leggende che sfida molti degli stereotipi sul grande generale, poi Imperatore, e la sua fine.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Letizia, la madre dell’imperatore: a lei Napoleone “doveva tutto”

“La prima donna e la più importante è sua madre, Letizia Bonaparte, poi ci sono le tre sorelle. Letizia Bonaparte è una matrona austera che anche negli anni di massimo potere, con realismo, va dicendo ‘purché duri’ e sarà sempre fedelissima al figlio. Poi- racconta Necci, intervistata dalla Dire, sul suo libro- Ci sono le tre sorelle: Elisa, donna di grande volontà e brava negli affari, la bellissima Paolina, disinibita e sempre fedele al fratello Napoleone, e Carolina che diventerà regina di Napoli e sarà l’unica che nella caduta lo abbandonerà”. C’è poi il cuore di Napoleone, marito innamorato. “Giuseppina- spiega la scrittrice- è il grande amore giovanile, è disinvolta e lo tradisce spesso e Napoleone ne soffrirà molto fino a quando se ne distaccherà”. Si arriva così agli anni dell’Impero: Napoleone divorzia da Giuseppina e “sposa Maria Luisa d’Austria, e sarà un matrimonio per interesse dinastico e per avere un erede. Il figlio, Napoleone II, morirà di tisi a 21 anni e lei, la seconda moglie, si rivelerà una tremenda traditrice proprio nella caduta di Napoleone che del suo secondo matrimonio dirà: ‘E’ un precipizio dagli orli bordati di fiori’”.

 » Continua a leggere su DIRE.IT…