Giallo delle valigie, otto domande e un mistero fatto a pezzi

AGI – Il giallo delle valigie ritrovate in un campo alla periferia di Firenze offre diverse domande su cui gli inquirenti lavoreranno. Alcune delle quali – come la precisa identità delle due vittime – potrebbero trovare risposte con l’esame autoptico (ancora in corso sul secondo corpo), mentre altre rimangono sospese, al vaglio degli inquirenti. Siamo di fronte a un classico rebus investigativo.

Ci sono i corpi, un quadro agghiacciante, manca tutto il resto della storia e quindi si procede per domande semplici, possono perfino apparire banali, ma sono quelle che vanno fatte prima di andare in profondità nell’indagine.

1. Quando è successo il delitto?

La prima domanda riguarda il tempo: quando è stato commesso? Il calendario, l’ora, sono il primo elemento che serve per incastonare il fatto e cominciare a contestualizzarlo.

2. Chi sono le vittime?

La seconda domanda riguarda l’identità delle vittime. Si tratta della coppia albanese – della quale si occupò anche la trasmissione televisiva “Ch

 » Continua a leggere su AGI.IT…