Omicidio Willy, le associazioni scrivono alle scuole: “Ascoltate gli studenti”

COLLEFERRO – Una lettera aperta ai dirigenti scolastici e agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado del territorio di Colleferro, Artena, Paliano, Segni, Anagni, Fiuggi, Palestrina, Genazzano, Velletri, Labico per chiedere di “creare nei primi giorni di scuola, un momento di ascolto di studentesse e studenti sulla notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro”. È l’iniziativa lanciata da associazioni, realtà sociali, parrocchie, gruppi religiosi e collettivi del territorio per dare un segnale di reazione e riflessione, a partire dalle scuole, dopo il feroce omicidio di Willy Monteiro Duarte, il 21enne pestato a morte a Colleferro una settimana fa.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Paliano alla famiglia di Willy: “Non vi lasceremo soli”

“Le nostre comunità hanno subito una perdita enorme- si legge sulla lettera- La vita di un ragazzo di 21 anni non c’è più. Le giornate che ci hanno preceduto per molti sono state piene di dolore, commozione e rabbia. Crediamo fortemente che, passato il momento mediatico, le luci e la riflessione non si possano spegnere. Ascoltando i nostri territori ci sembra che una delle richieste più frequenti sia quella di parlare di quanto accaduto attraverso un dialogo franco e rispettoso degli interlocutori. Ai dirigenti scolastici e al corpo docenti del nostro territorio chiediamo, pur nella complessità dell’inizio di questo particolare anno scolastico, di impegnarsi a creare, nei primi giorni di scuola, un momento di ascolto di studentesse e studenti sulla notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro.
Facciamo parlare i nostri giovani. Uno dei modi per giungere preparati a questo momento ci sembra che possa essere quello di partire da cosa gli insegnanti hanno provato e chiedere ai ragazzi delle loro sensazioni, delle loro emozioni, del loro quotidiano e di come hanno vissuto la notizia. Elaborare, all’interno di un confronto a tutto tondo, delle riflessioni che facciano venir fuori una comunità che reagisce e cresce. Tenere al sicuro gli studenti significa aiutarli nella crescita dei loro strumenti di comprensione e formazione.

 » Continua a leggere su DIRE.IT…