Del Re: “Tregua in Libia offre possibilità di uscita dalla crisi”

ROMA – “L’Italia saluta con grande favore il cessate il fuoco in Libia, che offre una nuova possibilita’ a una via d’uscita politica, l’unica possibile, a una crisi intricata”: cosi’ oggi all’agenzia Dire la viceministra degli Esteri Emanuela Del Re.
“Continueremo a svolgere il nostro ruolo di facilitazione verso tutte le parti interessate – ha aggiunto Del Re – affinche’ diano seguito al percorso delineato nei comunicati del Consiglio presidenziale e dalla Camera dei rappresentanti”.
Secondo la viceministra, gli sviluppi annunciati con le note diffuse dal primo ministro Fayez Al-Serraj e da Aguila Saleh, presidente del Parlamento con sede a Tobruk, “costituiscono un importante e coraggioso passo verso la stabilizzazione della crisi libica”.
Del Re ha aggiunto: “Solo un percorso condiviso per superare l’attuale stallo istituzionale nel Paese, a partire da una immediata cessazione delle ostilita’ e dalla riattivazione della produzione petrolifera, puo’ consentire di fare passi in avanti verso una pace e una stabilita’ durevoli”. Secondo la viceministra, “si tratta di un percorso non semplice, ma come detto non ha alternative e trovera’ l’Italia e spero tutta l’Unione Europea nel sostenerlo”.

MALI, DEL RE: “RITORNARE A UN PERCORSO DI NORMALITÀ DEMOCRATICA”

L’Italia ritiene prioritaria la liberazione dei prigionieri politici e il ritorno a “un percorso di normalita’ democratica” in Mali: cosi’ oggi all’agenzia Dire la viceministra degli Esteri Emanuela Claudia Del Re.
“Il governo italiano e i governi dei nostri Paesi partner si sono gia’ espressi in modo chiaro” ha evidenziato Del Re. “Non sono accettabili, ne’ in Africa ne’ altrove, stravolgimenti dell’ordine costituzionale attraverso la forza militare”.
Martedi’ a Bamako ufficiali dell’esercito hanno arrestato il presidente Ibrahim Boubacar Keita e il primo ministro Boubou Cisse’, costituendo poi un Comitato nazionale per la salvezza del popolo che si e’ impegnato a convocare elezioni “in un arco di tempo ragionevole”.
Secondo Del Re, “ora la priorita’ e’ la liberazione dei prigionieri politici e il ritorno a un percorso di normalita’ democratica”. La viceministra ha sottolineato che “l’Italia considera un obiettivo prioritario la stabilita’ del Sahel”.

 » Continua a leggere su DIRE.IT…